fbpx

SALOTTINI PASSATI

TICKETS

L’accesso a Salottino Itinerante è sempre gratuito con prenotazione obbligatoria generalmente tramite eventbrite.

Hai prenotato un posto ma non puoi più partecipare? disdici la tua prenotazione, oppure avvisaci tempestivamente con una email a

noidi@salottinoitinerante.it


Con tecnologia Eventbrite

Un nuovo modo di fare strategia per il business

Un nuovo modo di fare strategia per il business

Da qualche anno avevo un progetto nel cassetto, ma avevo la sensazione che fosse troppo d’avanguardia per i tempi e mi serviva il momento giusto e il business giusto per poter “sperimentare”.

 

Come tutte le illuminazioni che si inseriscono nella nostra mente, restano lì come una lampadina accesa pronte per la giusta occasione.

 

Due anni fa ho conosciuto Sara nel modo più eclettico che potesse succedermi, bussando alla porta del suo studio, attratta da una mega scritta sul muro esterno che indicava “Salottino” e liquidata all’istante con un “non ho tempo per le chiacchiere”.

 

Da qualche mese passavo davanti a quella scritta, chiedendomi che cosa ci fosse al di là del muro e con che strana coincidenza proprio di fronte a casa mia era apparsa questa insegna con scritto “Salottino”.

 

La mia curiosità non ha atteso molto prima di spingermi ad approfondire.

 

E così da un incontro tra “Salottini” nasce la mia amicizia con Sara che si è trasformata in breve in tanta stima per il suo lavoro, il suo stile, l’approccio eclettico e innovativo di applicare il suo talento ad un lavoro decisamente anticonvenzionale,

 

e la curiosità di voler approfondire il successo del suo modo di proporsi al mercato grazie a scelte altrettanto anticonvenzionali per un tattoo studio.

 

Le chiedo se è disposta a partecipare ad un esperimento. Accetta sulla fiducia.

Il suo business è perfetto per un esperimento del metodo di co-progettazione partecipata.

Prima mi confronto e ne parlo con alcuni colleghi e attivisti dell’Associazione Culturale Salottino, per individuare se l’idea che avevo li potesse coinvolgere.

 

Da subito il feedback che mi restituiscono è la voglia di mettersi in gioco in un esperimento che sostiene la mission della nostra Associazione: condivisione di conoscenza.

 

La promessa è:

 

Sperimentare un nuovo modo di fare strategia: l’’interazione tra differenti capacità, competenze ed esperienze genera migliori progetti e strategie. Con la co-progettazione partecipata riusciremo ad unire con efficacia i punti di vista del gruppo.

 

Qual è il vantaggio di partecipare?

 

  • Imparare e arricchire le proprie competenze grazie al confronto.
  • Approfondire le competenze del resto del team, e grazie alla propria intraprendenza trovare nuovi collaboratori con cui avviare progetti.
  • Proporsi all’imprenditore per sviluppare uno dei punti che emergeranno dall’analisi.
  • Mettersi in gioco per far emergere le proprie competenze ed entrare a far parte sistematicamente del team di co-progettazione partecipata

 

Qual è il vantaggio per l’imprenditore?

 

  • Avere un’analisi della strategia del proprio business non referenziata
  • Avere una visione di insieme grazie ai differenti punti di vista del gruppo di lavoro
  • Avere suggerimenti ad ampio raggio di miglioramento del flusso del proprio business

E così si è fatta la prima edizione di co-progettazione partecipata di Salottino, un nuovo modo di fare strategia per il business.

 

Come è andata?

Ce lo racconta la nostra copy strategist Elena Zondini

Da anni lavoro in team a progetti di vario genere e natura.
È una modalità che mi appartiene, mi piace, tira fuori il meglio di me.
Lavorare in team significa occuparsi ognuno di un pezzetto diverso e, collaborando, costruire l’insieme.
Per la prima volta, ho partecipato ad una co-progettazione, un’esperienza sempre di team ma con regole completamente differenti.
Per me una novità assoluta. Ed è stato amore a primo…minuto!

 

L’invito è pervenuto da Licia Pelliconi, all’interno di una delle tante attività della vulcanica Associazione Salottino.
Le premesse erano le seguenti: 8 differenti figure professionali (esperti di informatica, di gestione aziendale, di marketing, di comunicazione…), non necessariamente già in contatto tra di loro, riunite attorno ad un tavolo per analizzare uno specifico business con solo le informazioni strettamente necessarie per non essere influenzate.
Il resto si poteva recuperare dai vari canali presidiati da quella specifica attività che si stava per andare ad osservare.

 

Nello specifico l’attività era quella di Lady Sara Tattoo, una tatuatrice di nicchia con una clientela selezionatissima e le richieste erano: verificare il funnel di acquisizione clienti, la comunicazione, lo studio di eventuali rami di attività da sviluppare, collaterali al principale.

 

È stato assolutamente interessante osservare i diversi approcci alle domande poste.
Ogni professionista ha studiato il caso secondo la sua metodologia e punto di vista.
Se per alcuni grandi nuclei le visioni erano le stesse e le osservazioni pure, la differenza di studi e competenze ha permesso di portare alla luce tante sfaccettature alle quali io, consulente strategica in comunicazione, mai e poi mai avrei pensato.

 

Non ho la visione dell’informatico né quella del business administrator (per dirla tutta: arabo per me) ed è stata un’autentica rivelazione poter scoprire come la narrazione potesse infiltrarsi nelle loro materie astruse. Ho potuto capire, grazie alle loro osservazioni, alcune dinamiche e quindi come rendere al massimo il valore dell’attività di questa speciale tatuatrice all’esterno. Raccontare il dietro del dietro le quinte.

 

Lady Sara è fenomenale a comunicare sé stessa.
Non ha bisogno effettivamente di alcun suggerimento ma nella catena che va dall’accoglienza del cliente alla conclusione del tatuaggio vi sono tanti aspetti che sarebbe interessante portare alla luce e far conoscere. Per sottolineare ancora di più la straordinarietà dell’esperienza che il cliente andrà a vivere.
Solo un’analisi dei flussi “di produzione” poteva scomporre tutto così bene e di certo a una strategist della comunicazione non poteva venire in mente di spacchettare in quel modo il business!

L’altro punto di forza è stato l’incontro finale con l’imprenditrice: molti nodi, rimasti un po’ oscuri si sono sciolti e si è potuto aggiustare il tiro delle nostre proposte.

 

Credo sia un modo molto stimolante di lavorare.

 

Ciò che viene restituito è un lavoro ampio, completo, veramente customizzato e con la possibilità di approfondire, da parte del cliente, anche solo gli aspetti che ritiene più importanti ed urgenti, certo che avrà comunque alle spalle una squadra che ha analizzato ogni dettaglio in maniera approfondita e saprà dove mettere le mani senza danni collaterali.
È stato come partecipare a un’operazione chirurgica di alta complessità… non vedo l’ora di poter rientrare in sala!

Vuoi avere l’opportunità anche tu di partecipare alla prossima edizione di co-progettazione partecipata?

 
Indicando precisamente:
 

  • di cosa ti occupi  e quali competenze metti a disposizione
  • perché vuoi partecipare
  • perché dovremmo scegliere te per la prossima edizione

Il team di questa prima edizione:

Licia Pelliconi
Brand Project Manager e Visual Designer
Presidente Associazione Salottino
Leader Project Manager del progetto di co-progettazione
 

Elena Zondini

Copy e Comunicazione strategica
 
Roberto Malaguti
Consulente aziendale / ing meccanico
Organizzazione e sviluppo progetti

 

Marco Cantoni
Consulenza in ambito direzionale
Sviluppo dei contatti

 

Mattia Quercioli 
Amministratore Mayp Digital
 

Testimonianza: “Giornata altamente produttiva e istruttiva💪Ogni esperto ha introdotto il suo know-how rendendo l’analisi completa a 360° ma soprattutto si è trasmessa, forse la cosa più importante 😁 il modo di osservare ed analizzare un progetto/lavoro con angolazioni completamente diverse! 🔥”

 

Pietro Lungarini
Resp tecnico servizi multimediali innovativi

 

Maddalena Falaschi
Founder della startup Origami
Fashion Designer

 

Testimonianza: “Esperimento MOLTO interessante!! Utilissimo per aprire la mente e vedere diversi metodi di analisi progettuale all’opera! 🚀”

 

Marina Ravaioli
Marketing strategico per artisti e copy
Pittrice

 

Hai un business, vuoi sapere come poter migliorare, e vuoi sperimentare un modo innovativo di analisi strategica?

 
Indicando precisamente:
 

  • di cosa ti occupi
  • che tipo di business hai

 

Ti risponderemo quanto prima!

Passione e innovazione al servizio del tuo business.

No Comments

Rispondi